Il cosiddetto Sisma Bonus permette di avere agevolazioni fiscali per gli interventi di messa in sicurezza e per la valutazione sismica degli edifici adibiti ad abitazioni, prime e seconde case, ed ad edifici produttivi, situati in zona sismica 1, 2 e 3 (ex opcm 3274/2003, in allegato è possibile trovare l’elenco di tutti i comuni italiani con il riferimento dell’assegnata zona sismica).

Il Sisma Bonus è riconosciuto per gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche

La Legge di Bilancio 2017 che istituisce il Sisma Bonus, ti permette infatti di detrarre dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) o dall’Imposta sul reddito delle società (IRES) le spese, sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, in percentuale variabile in relazione alla classe di rischio sismico raggiunta in seguito ai lavori, così come definito dalle Linee Guida per la classificazione di rischio sismico delle costruzioni, emanate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In allegato è possibile trovare tutto il materiale messo a disposizione dal Ministero sulle Linee Guida.

La detrazione deve essere ripartita in cinque quote annuali di pari importo

Come già indicato, le detrazioni fiscali riguarderanno le spese sostenute per:

  • la realizzazione di interventi relativi all’adozione di misure antisismiche sulle parti strutturali di edifici adibiti ad abitazioni, prime e seconde case, ed ad edifici produttivi.
  • la redazione della documentazione obbligatoria atta a comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio.

Andiamo di seguito a vedere da vicino le caratteristiche delle detrazioni fiscali concesse alle unità immobiliari singole e quelle concesse agli edifici condominiali.

SISMA BONUS per singole unità immobiliari

  • Valida per spese per interventi antisismici sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021;
  • Detrazioni da recuperare in cinque anni con quote di pari importo;
  • Detrazioni sull’importo sugli interventi di prevenzione sismica graduale rispetto ai risultati raggiunti, schematizzate nella seguente tabella:
Leggi anche  Connettere un impianto in bassa o media tensione: cosa c’è da sapere
TIPOLOGIA DI INTERVENTO% DETRAZIONE
Interventi antisismici senza variazione di classe50%
Interventi antisismici che migliorano di 1 classe di rischio70%
Interventi antisismici che migliorano di 2 classe di rischio80%
  • i limiti massimi delle detrazioni vanno calcolati su un ammontare delle spese fino a 96 000 €.

SISMA BONUS per edifici condominiali

  • Valida per spese per spese per interventi antisismici sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021;
  • Detrazioni da recuperare in cinque anni con quote di pari importo;
  • Detrazioni sull’importo sugli interventi di prevenzione sismica graduale rispetto ai risultati raggiunti, schematizzate nella seguente tabella:
TIPOLOGIA DI INTERVENTO% DETRAZIONE
Interventi antisismici senza variazione di classe50%
Interventi antisismici che migliorano di 1 classe di rischio75%
Interventi antisismici che migliorano di 2 classe di rischio85%
  •  Possibilità della cessione del credito ai fornitori che hanno effettuato gli interventi ovvero ad altri soggetti privati nelle modalità da definire con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate da emanare;
  • I limiti massimi delle detrazioni vanno calcolati su un ammontare delle spese fino a 96 000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

Con il Superbonus la detrazione è stata maggiorata al 110%

Il Decreto Rilancio ha introdotto la misura del Superbonus (approfondisci qui). Per utilizzare il superbonus è necessaria una relazione asseverata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico secondo le rispettive competenze professionali, e iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali di appartenenza. In particolare:

  1. il progettista dell’intervento strutturale deve asseverare la classe di rischio dell’edificio prima dei lavori e quella conseguibile dopo l’esecuzione dell’intervento progettato;
  2. il direttore dei lavori, al termine dell’intervento, deve attestare la conformità degli interventi eseguiti al progetto depositato.
Leggi anche  DECRETO FER 1: scopri i nuovi incentivi per fotovoltaico ed eolico

Inoltre le disposizioni prevedono che i professionisti incaricati debbano attestare la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

Cosa importantissima, è previsto che tu possa optare per la Cessione del Credito o lo sconto in fattura, di cui abbiamo parlato qui.

Qui trovi l’elenco di tutti i comuni italiani con il riferimento dell’assegnata zona sismica.


Per maggiori informazioni, per una valutazione sismica del tuo edificio o per un sopralluogo senza impegno, contattaci utilizzando il seguente form: