PSR Campania T.I. 7.2.2 : con questa tipologia di intervento la Regione Campania sostiene al 100% a fondo perduto la realizzazione di impianti pubblici di cogenerazione a biomassa e solare.

Quando parliamo di cogenerazione, ci riferiamo alla produzione combinata di energia elettrica e calore in uno stesso impianto. Nella sua forma più semplice un impianto di produzione combinata comprende almeno un motore primo (turbina a vapore, turbina a gas, oppure motore a combustione interna), e un generatore elettrico. Nel caso, ad esempio, di una turbina a vapore, un combustibile primario, bruciando in una caldaia, cede energia termica all’acqua, trasformandola in vapore. Una parte di tale energia è trasferita dal vapore al motore primo che, trascinando l’alternatore, la trasforma in energia elettrica. Un’altra parte è invece utilizzata direttamente come energia termica, e può essere destinata a vari impieghi civili o industriali.

Con la T.I. 7.2.2 la Regione Campania intende favorire la realizzazione di questo tipo di impianti da parte delle amministrazioni pubbliche. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche della Misura.

Obiettivo

L’operazione, in linea con il Piano Energetico Ambientale della Regione Campania (PEAR), mira alla valorizzazione delle fonti energetiche rinnovabili (FER).

Beneficiari

Enti pubblici in forma singola o associata (comuni, unioni di comuni, enti parco, consorzi di bonifica, comunità montane).

Dotazione Finanziaria

Con il presente bando sono erogati aiuti per un importo complessivo di euro 8.000.000,00 IVA inclusa.

Descrizione degli interventi

Gli investimenti possono riguardare:

  • nuovi impianti pubblici di cogenerazione e/o trigenerazione comprensivi delle reti di teletermia di distribuzione del calore alimentati con:
    • biomassa di seconda generazione, ossia proveniente da residui e scarti delle relative attività (filiera ligno-cellulosica e/o del biogas);
    • energia solare;
Leggi anche  POC 2014-2020: Contributi per investimenti nei territori esclusi dalle aree di crisi non complessa

Inoltre, in misura non superiore al 40% dell’importo richiesto, ed in aggiunta alla realizzazione dell’impianto di cogenerazione e/o trigenerazione, sono realizzabili:

  • opere per la consegna dell’energia;
  • sistemi di distribuzione intelligente dell’energia (smart grid) ed interventi integrati di risparmio;
  • interventi di miglioramento dei manufatti e delle opere anche edili.

Condizioni di ammissibilità

Gli investimenti in infrastrutture per l’energia rinnovabile per essere ammessi devono rispettare le seguenti condizioni:

  • ricadere nelle aree rurali C o D del PSR;
  • avere un importo minimo di € 50.000,00 ed un importo massimo di € 500.000,00 (IVA INCLUSA);
  • avere una potenza massima degli impianti non superiore ad 1 Mwe o 3 Mwt;
  • essere redatti sulla base di uno studio di fattibilità che dimostri la presenza dei presupposti necessari alla realizzazione dell’impianto;
  • gli impianti non devono utilizzare biomassa classificabile come rifiuto.

Per gli investimenti in impianti che producono energia elettrica ed energia termica, l’energia termica cogenerata deve presentare una quota minima di utilizzo pari al 50%. Per gli impianti di sola produzione di energia termica è previsto un limite minimo di utilizzo pari al 60%.

Tipo di sostegno

Contributo in conto capitale con una intensità dell’aiuto pari al 100% della spesa ammissibile. L’aliquota sarà ridotta per le operazioni che generano entrate nette dopo il loro completamento.

Criteri di Selezione

I progetti verranno selezionati in base ale seguenti caratteristiche:

  • Investimenti proposti in forma associata
  • Investimento ricadente in Area D
  • Numero di abitanti residenti
  • Utilizzo di Smart grid
  • Rispetto di 2 o più condizioni di cui all’all. II del Reg. UE 2015/1185
  • Caldaie a combustibile solido aventi una potenza termica fino a 500 chilowatt («kW»): rispetto di 2 o più condizioni di cui all’al punto 1 dell’all. II del Reg. UE 2015/1189
Leggi anche  PSR Campania Mis. 6.4.2: 75% a fondo perduto per attività extra-agricole

Scadenza

12 Settembre 2017

Qui il link alla pagina ufficiale della Misura.


Rethink – Sustainable Solutions, società di ingegneria ambientale ed energetica di Salerno, è il partner ideale per concorrere alla misura, dalla fase di progettazione a quella di rendicontazione. Contattaci usando il form in basso per ulteriori informazioni.

    Invia la tua bolletta

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali nel rispetto della Normativa sulla Privacy D. Lgs.196/2003

    [mc4wp_checkbox]